3 Maggio 2017

Microsoft va a scuola

Una classe senza pareti grazie ad un nuovo sistema operativo. E portatili low cost per gli studenti da meno di 170 euro. Ec­co il futuro dell’educazione secondo Micro­soft, che a Manhattan ha presentato Windo­ws 10S, dove la S sta ovviamente per “scuo­la”.

Satya Nadella, a capo dell’azienda fonda­ta da Bill Gates, lo mostra ricordando le origi­ni modeste della sua famiglia in India che si è emancipata grazie agli studi permettendo­gli di arrivare fino ai vertici. «Ci sono talenti ovunque nel mondo», spiega «a differenza delle opportunità. La tecnologia è uno stru­mento potente ma che genera qualche timo­re nel rivoluzionare il presente. Dobbiamo la­vorare perché moltiplichi le possibilità e non le riduca». Con la speranza implicita che una generazione cresciuta a pane e Windows 10S proseguirà poi ad usare le piattaforme di
Microsoft anche in seguito.  Con il nuovo sistema operativo, che esce questa estate ed è gratuito per le scuole, ba­sterà inserire il proprio nome e la password per poter collaborare con gli altri alunni, po­co importa che si tratti di documenti, ricer­che online o la costruzione di testi multime­diali. E si riceveranno compiti e assistenza dagli insegnanti, si comunicherà con i singo­li o all’intero gruppo. La punta di diamante, la differenza con il passato, è uno dei servizi chiamato Intune. Permette ai docenti di con­trollare in diretta, passo per passo, quel che stanno facendo gli studenti: autorizzare o meno l’istallazione di uno nuovo software, sapere su quali siti vengono condotte le ricer­che, a quale punto è il compito, o correre in aiuto di chi fa più fatica senza doversi sedere vicino mettendolo in imbarazzo davanti ai  compagni. «Perché alla fine circa il 75 per cento degli scolari ha qualche difficoltà nell’apprendere e uno su cinque è dislessi­co», ricordano qui.
Teoricamente con Windows 10 S, che è stato messo a punto consultando migliaia di insegnanti in cento Paesi diversi, si può ave­re una classe di studenti che vivono in città differenti. E così il mondo dell’educazione si  sposta sulle nuvole, secondo i dettami della classe aperta che tanto vanno di moda ulti­mamente. Sposando la filosofia dei servizi “cloud”, grazie ai quali Microsoft sta inanel­lando una trimestrale positiva dopo l’altra.
«Il mondo di domani passa per l’ educazio­ne. È il motore del futuro ed è una priorità tanto per i governi quanto per la mia compa­gnia», snocciola Anthony Salcito, a capo del­la divisione Education di Microsoft, che fra pochi giorni (il 5 maggio) sarà in Italia per  un evento dedicato alla scuola e all’unversità che si terrà a L’Aquila. «Non si tratta solo di formare gli studenti su argomenti essenziali come la scienza, la tecnologia, l’informatica e la matematica, ma anche aiutarli a svilup­pare creatività e pensiero critico». Anche se poi Windows 10 S punta soprattutto sulle
materie scientifiche, consentendo, per esem­pio, di immaginare e condurre esperimenti. In realtà nessuno sa davvero cosa servirà agli studenti per vivere nel mondo di domani. La Oxford Economics vede nero e parla di 54 milioni di posti di lavoro che verranno can­cellati in Europa in una o due decadi dall’au­tomazione e dai robot, il Pew Research Cen­ter è più ottimista. Per entrambi non è possi­bile sapere quali altri lavori verranno inven­tati nel frattempo. L’unica salvezza, per i ge­nitori, è puntare su una formazione che fac­cia dell’apprendimento continuo la sua spi­na dorsale e del divertirsi ad imparare un me­ odo, adeguandosi ai continui cambiamenti. E la Microsoft spera di cavalcare l’onda. Per non farsi mancare nulla ha anche presentato un nuovo portatile, il Surface Laptop. Sottile e leggero, costerà mille euro circa. «Più velo­ce e potente dei Macbook della Appie», fan­no notare contenti. Bello, per carità. Anche se sfugge cosa abbia a che fare con la scuola e con i suoi problemi.

[Fonte La Repubblica 3 Maggio 2017]

Commenti recenti

    Archivi