Se i bot imparano l’arte di negoziare e mentire

Perché l’intelligenza artificiale diventi davvero funzionale, è necessario che si avvicini il più possibile a quella umana. Ma i risvolti di questi sviluppi possono avere diverse sfaccettature.

Il team di ricerca sull’AI di Facebook ha presentato i risultati raggiunti nei suoi ultimi esperimenti: far sì che i bot fossero in grado di portare avanti una negoziazione. Il bot è stato allenato in ipotetici scenari che riconducono alla «teoria dei giochi». Qui la macchina deve riuscire a trovare un compromesso con una persona per dividersi, in modo eguale, una serie di oggetti con valore differente. Per farlo, è necessario anticipare le mosse «verbali» altrui, pianificare le proprie e, se la situazione lo richiede, ricorrere ad espedienti «intelligenti», come fingere grande nteresse per qualcosa per poi concederlo creando così un vantaggio nel dibattito. In altre parole? Mentire.

[Fonte Corriere della Sera – 16 Giugno 217]

Commenti recenti

    Archivi